Indicatore CCI

L’indicatore di analisi tecnica, conosciuto come Commodity Channel Index (CCI) fu sviluppato da Donald Lambert nel 1980, con lo scopo di identificare i periodi ciclici nelle commodities, ma il suo utilizzo è estendibile a tutti i mercati, azioni, bond e valute. È un indicatore di momentum, utilizzato per identificare le soglie di iper comprato e iper venduto, e inoltre come un indicatore di trend che indica l’inizio e la fine di un trend. Come abbiamo detto, l’assunzione di base di questo indicatore, consiste nel ritenere che alcuni strumenti finanziari si muovono ciclicamente, con punti di massimo e di minimo che si susseguono secondo determinati intervalli. L’indice CCI varia in un range compreso tra -100 e +100, delimitando le soglie di iper venduto e iper comprato. Per calcolare questo indicatore si parte dal prezzo attuale, al quale vendono sommati il Massimo, il Minimo e la chiusura di ciascuna barra e si divide per 3. CCI è calcolato come la differenza tra Typical Price e la sua media mobile semplice, diviso la deviazione media del suo Typical Price, inoltre l’indice è scalato da un valore di 1/0.0015 per fornire indicazioni più accurate, in modo tale che il movimento dell’indicatore ricada per circa il 70-80% all’interno del range -100 +100.

  1. Typical Price (TP) = (Massimo + Minimo + Prezzo di chiusura)/3
  2. Viene calcolato la media mobile semplice dei TP per il periodo scelto: SMA(TP, N) = SUM[TP, N]/N
  3. Si sottrae l’ SMA (TP,N) ottenuto dai TP: D = TP — SMA(TP, N)
  4. Si calcola la media mobile semplice dei valori assoluti di D: Mean Deviation = SMA(D, N) = SUM[D, N]/N
  5. Si moltiplica la deviazione media per 0,015: M = SMA(D, N) * 0,015
  6. Infine, si divide M per D: CCI = M/D

 

FIG1: Segnali di inversione
 CCI
Come vedete dal grafico figura 1, i segnali di aquisto o vendita come indicato dalle frecce che ho tracciato sono ottimi e molto accurati, ma vista la caratteristica di questo indicatore bisogna valutarne la corrispondenza con il mercato preso in considerazione, valutando soprattutto l’andamento storico se il mercato evidenzia ciclicità o meno, se l’indicatore può essere impiegato in un determinato periodo temporale; il periodo temporale giornaliero potrebbe essere ideale. Questo indicatore è utilizzato anche per individuare le divergenze, lavora molto bene a proposito ed è necessario analizzarlo in un orizzonte temporale ampio, in modo tale da coglierne gli andamenti nel tempo e la corrispondenza con il prezzo. Infine come ogni oscillatore fornisce ottimi segnali sulle soglie di iper comprato e iper venduto, la rottura di queste soglie genera il segnale, inoltre bisogna aggiungere che un valore sopra +100 o sotto -100, indicano anche un forte trend, che la prosecuzione o meno dello stesso andrebbe considerata insieme ad altri indicatori, ma l’utilità maggiore si evidenzia alla rottura di queste soglie che rappresentano inversione del trend.

Fare pratica usando CCI

Allo scopo far pratica con l’uso dell Accumulation/DL, noi vi consigliamo di scaricare un _software di grafici_ e applicare l’indicatore sui grafici tempo reale delle principali coppie valutarie.

A questo proposito, noi consigliamo la piattaforma di trading plus500. Si tratta di uno strumento potentissimo, facile da usare, che vi permette di praticare compravendita senza dover studiare una piattaforma troppo sofisticata. Dovrete soltanto scaricare, installare e aprire demo account gratuito, così potrete applicare sostanzialmente ogni indicatore tecnico che vorrete, su tutti i grafici dei trend giornalieri, siano essi di coppie valutarie o materie prime.

                                         Per iniziare a fare trading usando CCI    Clicca Qui