Elliott Waves

L'Elliott Wave Oscillator è frutto di ingegnerie di studiosi elliottiani (come Tom Joseph) che hanno sviluppato e migliorato alcuni aspetti della teoria delle onde di Elliott.

L'oscillatore indica la differenza di velocità di crescita dei prezzi e cerca di isolare l'onda 3 dalle altre onde. L'oscillatore si costruisce con la differenza tra la media mobile a 5 periodi e la media a 34 periodi.

La formula matematica è abbastanza semplice da implementare:

Media Mobile a 5 – Media Mobile a 34

 

L'oscillatore (sotto forma di istogramma alla base del grafico) misura la velocità di movimento e ampiezza di una onda rispetto un'altra onda.

Punti chiave di lettura:

Un massimo sull'oscillatore indica una possibile Onda 3 rialzista sul grafico dei prezzi, viceversa un minimo indica una potenziale Onda 3 ribassista e quindi un trend ribassista; l'onda 4 solitamente corrisponde ad un incrocio della linea dello zero o crea un affondo sull'oscillatore ed infine l'onda 5 forma un nuovo massimo nei prezzi ma non nell'oscillatore.

grafico Elliott Waves

 

Clicca sull'immagine per scaricare il software

 

Leggere le divergenze tra l'oscillatore e i Prezzi

L'utilizzo di tale indicatore è collagato alla facilità di trovare delle divergenze sui grafici, siano esse positive o negative, tra l’andamento generale dei prezzi e il livello dell'oscillatore stesso.

 

  • In una divergenza positiva, i valori massimi dell'Elliott Wave Oscillator, sono caratterizzati da livelli decrescenti dei prezzi e livelli crescenti dell’oscillatore.
  • In una divergenza negativa, rispetto ai valori massimi dell'oscillatore, abbiamo dei livelli crescenti dei prezzi e dei livelli decrescenti dell’oscillatore.

Dunque un'onda 3 deve avere un massimo nel valore dell'oscillatore ma non nei prezzi.

Fare pratica usando Elliott Waves

Allo scopo far pratica con l’uso dell Accumulation/DL, noi vi consigliamo di scaricare un software di grafici e applicare l’indicatore sui grafici tempo reale delle principali coppie valutarie.