Quando si parla di psicologia nel trading sul forex c'è sempre un po' di scetticismo nell'aria come se gli aspiranti trader si chiedessero come le due cose possano essere accomunate. La realtà è che il trading sul forex è un business che richiede una capacità mentale enorme per superare tutte le barriere mentali che si frappongono tra il trader e il successo nei mercati finanziari. Ma quali sono questi ostacoli e qual è la strada per superarli? Cerchiamo di fare un po' di luce sull'argomento.

Avete presente quando si gioca a poker senza soldi? Il tipo di gioco cambia notevolmente e si tende sempre ad andare a vedere la mano dell'avversario avendo la sicurezza che tanto non si perde nulla. Quando invece si gioca a soldi diventano tutti più timorosi ed ecco che prima di compiere mosse avventate si pensa due volte. Tante volte non si rischia quanto si dovrebbe per paura di perdere facendo sfumare così la possibilità di vincere.

 

Queste sono barriere mentali create dalla nostra mente che ci impediscono di prendere le decisioni con lucidità quando c'è in palio qualcosa di importante. 
Succede nello sport quando la tensione per una competizione non ci fa rendere al massimo o lo stress di un esame che mette in crisi lo studente e così accade in molte altre situazioni della vita comune.

 

Nel trading la componente psicologica è importantissima perché si ha a che fare con il denaro e nella mente umana scattano diversi meccanismi che è bene conoscere per poterli affrontare.

La paura di perdere i propri soldi fa sì che si fissino gli stop loss troppo vicini non dando tempo alla trade di svilupparsi. Oppure capita che si chiuda una trade troppo presto per paura che il mercato compia un'inversione e la nostra trade vada in rosso. Questo porta alla lunga ad avere vincite troppo esigue che non riescono a coprire le perdite.

L'ego è un altro ostacolo per i trader. Solitamente i lavori comuni impongono la perfezione; pensate ad un chirurgo ad esempio, non si può certo permettere di sbagliare! Viviamo in una società dove gli errori vengono condannati e questo inconsciamente influisce sulle nostre operazioni con il mercato. Ogni volta che apriamo una trade vogliamo aver ragione, inconsciamente rifiutiamo l'idea che la nostra analisi o previsione possa essere sbagliata e si ha la tendenza a non voler chiudere la trade con una perdita. La testardaggine di voler aver ragione ci fa restare nella trade a lungo sperando che il mercato giri dalla nostra parte. Sfortunatamente molto spesso il mercato non gira e il trader si ritrova con una grossa perdita quando finalmente capisce che deve mettere da parte il proprio ego se non vuole dilapidare immediatamente il proprio capitale.

L'avidità fa sì che vorremmo catturare tutti i grossi movimenti di mercato per diventare ricchi il più in fretta possibile. Molto spesso succede che i prezzi si muovano verso una direzione in modo significativo, il trader guarda il suo grafico e i prezzi continuano a salire. L'idea che molti altri trader stiano guadagnando da quel movimento e noi no è la molla che ci spinge ad entrare in quella posizione. Sfortunatamente è troppo tardi e il mercato gira proprio quando entriamo noi.

La sfiducia entra in gioco quando ci si imbatte in una serie negativa e si comincia a dubitare delle proprie capacità e del proprio sistema di trading. Questo spinge il trader a provare nuovi sistemi alla ricerca del sistema perfetto che non lo faccia perdere mai. La realtà è che le perdite sono normali e bisogna imparare ad accettarle. Meglio perfezionare una strategia invece di cambiare continuamente alla ricerca di qualcosa che non esiste.

L'arroganza si sviluppa inconsciamente nel trader che sta avendo una serie di operazioni molto positive. Si comincia a instaurare nella mente del trader la convinzione che lui o lei abbia la capacità di predire il mercato e che non possa più sbagliare. Questo porta ad aumentare la grandezza delle proprie posizioni ignorando le regole del money management e spinge anche a prendere più trade del solito ignorando dei criteri della propria strategia. Non è difficile capire come questo possa portare a grosse perdite.

La psicologia è senza dubbio l'ostacolo più grosso per il trader e solo i migliori professionisti hanno imparato a gestire la propria mente in modo efficiente.
Il linea di principio le decisioni di trading dovrebbero essere prese senza emozioni, attenendosi alla propria strategia qualsiasi cosa succeda. E' di fondamentale importanza testare la propria strategia nei conti demo fino a che si abbia una buona sicurezza nei propri mezzi e in quello che si sta facendo. Il passaggio al trading con soldi reali dovrebbe essere fatto molto gradualmente cominciando con somme molto piccole per abituarsi al peso psicologico di gestire somme importanti.