L’utilizzo degli indicatori di analisi tecnica, è molto soggettivo, non esiste un metodo definito a priori, un periodo temporale idoneo oppure uno specifico settaggio che funziona sempre, il mercato è sempre mutevole, anche se ci sono delle situazioni che si verificano spesso, a volte un incremento o decremento giornaliero di volumi, può modificare le capacità predittive e la capacità informativa di un indicatore, ma con l’esperienza il trader imparerà ad osservare il mercato e ad adattare l’analisi allo specifico mercato. In questo articolo segnaliamo delle linee guida generali, da tenere in considerazione quando si utilizza un indicatore o più indicatori.

  1. Innanzi tutto bisogna stabilire la fase di mercato, se abbiamo un mercato piatto, laterale o in trend, poiché secondo la fase di mercato abbiamo diversi indicatori da utilizzare, non possiamo utilizzare le bollinger bands in un mercato laterale o un oscillatore in un mercato in trend.
  2. inoltre, dobbiamo definire il periodo temporale d’analisi, che può variare da un secondo a un mese, inoltre consigliamo di confrontare, nell’analizzare una coppia di valute, differenti periodi temporali, in modo tale da riscontrare un uguale tendenza o una divergenza in periodi temporali differenti
  3. Infine, bisogna studiare la particolare coppia di valute per riuscire a capire quali sono gli elementi di analisi fondamentale che possono influenzarla e a che ore vengono rilasciate delle news che possono influenzare la coppia di valute, per esempio per il dollaro americano alle 14:30 e alle 16:00 ora italiana abbiamo le news più importanti giornalmente.

Esistono differenti indicatori, con caratteristiche più o meno simili, ma con l’esperienza si sceglieranno i più idonei per quel determinato momento, inoltre con lo studio dei movimenti del passato se ne possono costruire anche di nuovi se vogliamo adattarli a particolari esigenze. Ricordate bene che non esiste un indicatore magico che funziona per sempre, anzi devono essere sempre adattati al mercato e alle mutate condizioni, infine bisogna aggiungere che non è esiste un indicatore ottimo per ogni mercato.
Spesso è necessario usare più indicatori, per avere delle conferme e per meglio analizzare il mercato, pertanto utilizzare un solo indicatore per volta nell’analizzare un movimento di mercato è poco indicativo, è necessario utilizzare più indicatori che si integrano a vicenda senza esagerare evitando l’impasse.