In tanti libri educativi sul trading si trova molto spesso la frase “trovate un sistema che funzioni per voi e non cambiatelo”. Quando muovevo i primi passi nel trading sul forex, questa frase mi sembrava un buon consiglio ma non la capivo veramente fino in fondo. Agli inizi, a mio parere, quello che mi avrebbe portato al successo come trader era trovare la strategia perfetta, quella che mi avrebbe fatto vincere sempre (o quasi sempre). Solo dopo un po' di mesi di pratica ho cominciato a capire che funzionava proprio in questo modo...

trovare un sistema che funzioni per teSì perché avere una buona strategia conta, ma ho cominciato a notare che la stessa strategia messa in mano a due trader diversi portava risultati diversi. Perché? Qual è la variabile che scombina l'equazione? Dopo tante letture e alcuni seminari sono arrivato alla conclusione che è la psicologia del trader che fa la differenza. 
Non ho scoperto nulla di nuovo, tutti i trader professionisti hanno ben chiaro questo concetto, tuttavia, per qualche strano motivo, la maggior parte degli aspiranti trader non ci crede o non ci dà molta importanza e, come abbiamo detto nei precedenti articoli, il risultato è lampante: il 95% dei trade fallisce entro il primo anno.

 

Concentriamoci su un solo aspetto di una strategia di trading nel settore del forex: la percentuale di vincite di un sistema.

  • Ci sono trader che riescono ad avere ottimi profitti anche vincendo solo il 30-40% delle loro trade. Raggiungono questo obiettivo prendendo diverse trade e mantenendo le perdite piccole. Continuano a rientrare nella trade fino a che non trovano l'entrata perfetta e lasciano poi correre i profitti. Poche trade vincenti sono sufficienti per coprire tutte le perdite e oltre. Questo tipo di strategia è adatta a chi ha ottime capacità dimoney management, eccellente forza nel sostenere serie negative di trade che possono essere anche lunghe. E' adatta ai trader che non amano stare con le mani in mano e vogliono azione.
    Commento: rischiosa, adatta ai professionisti
  • Altri sistemi prevedono un rapporto tra vincite e perdite del 50-50. In media si ha una vincita e una perdita. Perché il sistema sia efficace le vincite devono essere ovviamente più grandi delle perdite. Anche questa strategia è adatta ai trader che vogliono azione e avventura.
  • Sistemi con una percentuale di vincita del 60-80% sono per coloro che hanno più pazienza di aspettare che le giuste condizioni si verifichino. Si ottengono trade a più alta percentuale e si devono sostenere solitamente meno strisce perdenti. Il lato negativo è che occorre una buona dose di pazienza per aspettare il momento giusto e molte volte non è facile non farsi prendere dalla smania di aprire una posizione quando si è davanti al computer tutto il giorno.
  • Sistemi con una percentuale di successo sopra l'80%. Ebbene sì, ci sono sistemi che ti permettono di avere successo 8 volte su 10 o più. E perché non li usano tutti allora? Perché per avere questo tipo di opportunità bisogna avere un controllo e una pazienza smisurati. Occorre attendere che tutte le condizioni del nostro sistema siano verificate e le volte poche volte che la trade va male il motivo è da attribuire all'inevitabile rischio e imprevedibilità dei mercati finanziari.

 

trovare un sistema che funzioni per te

Qualsiasi sia la strategia che vogliate utilizzare, fate questo semplice esercizio: mettetevi al computer e prendete solo ed esclusivamente le trade che rispettano tutti i vostri criteri di entrata. Ripetete questo esercizio fino a che non avete preso 30 trade dello stesso tipo. A seconda del metodo scelto ci si potrà mettere un giorno oppure un mese, ma non imbrogliate: prendete solo ed esclusivamente trade che rispettano i criteri di entrata della strategia scelta. Vedrete che non sarà così facile come sembra.

Questo esercizio vi farà capire molte cose sulla vostra personalità come trader e il tipo di strategia che sarà più adatta a voi. Oppure vi permetterà di individuare quali parti del vostro carattere dovete modellare per essere capaci di utilizzare una strategia di un gruppo differente.